07 agosto 2014: se il buon giorno...

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

Se il buon giorno si vede dal mattino... qui si sono perse le "regole basilari" del detto popolare: dopo una splendida e colorata alba, le prime nuvole si sono subito presentate al cospetto delle cime più basse, per poi coprire definitivamente ed inesorabilmente tutto il fronte.

Il Monte Rosa libero da nuvole non si è ancora mostrato... 

05 agosto 2014: lezioni di vita

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

Passeggiare con mia figlia e condividere con lei le stesse emozioni... tornare ad osservare il mondo con gli occhi di un bambino; non sono io ad insegnare a lei a vivere, ma è lei che insegna a me ad apprezzare nuovamente le cose importanti. I momenti passati insieme diventano ricordi indelebili; tutto il resto può aspettare...

In attesa che il piccolo Giacomo possa seguirci con le sue forze... sotto lo sguardo vigile ed attento della loro mamma.

Grazie a tutti e tre.

03 agosto 2014: Cascata di Fornarelli (Macugnaga)

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

Credo che ormai sia ufficiale: l'estate non è ancora arrivata e giunti a questo punto, c'è da chiedersi se mai arriverà.

Approfittando però di alcuni brevi momenti di tregua in cui la pioggia cessa di cadere, sono almeno riuscito a realizzare qualche scatto interessante: meglio di niente. 

27 LUGLIO 2014 - effetti post mostra

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

...ogni volta che visito una mostra di fotografia in "bianco e nero", ne rimango estasiato; eleganza ed impatto emotivo, sono solo alcuni degli aspetti che rende questa tecnica così speciale. Forse per il fatto di essere abituato ad osservare un mondo a colori, il "bianco e nero" mi emoziona sempre... tanto che per qualche tempo, mi vien voglia di fotografare solo così. 

14 luglio 2014... ritorno alla fotografia

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

...quarantadue giorni, più di mille ore, oltre sessantamila minuti... è sicuramente stato un lungo periodo di astinenza e riaver potuto nuovamente tenere tra le mani (le due mani) la reflex, mi ha fatto nuovamente riprovare quelle sensazioni che tanto mi mancavano. Tolto il gesso, la mano sinistra non è ancora del tutto pronta a reggere il peso delle ottiche più pesanti, ma ora basterà solo allenarla.

Quello che in realtà mi è mancato di più sono stati le luci , gli odori, i colori delle risaie, specie in questo luglio così strano, ma decisamente interessante, tanto da regalare cieli spettacolari, come quello di oggi.