03 agosto 2014: Cascata di Fornarelli (Macugnaga)

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

Credo che ormai sia ufficiale: l'estate non è ancora arrivata e giunti a questo punto, c'è da chiedersi se mai arriverà.

Approfittando però di alcuni brevi momenti di tregua in cui la pioggia cessa di cadere, sono almeno riuscito a realizzare qualche scatto interessante: meglio di niente. 

27 LUGLIO 2014 - effetti post mostra

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

...ogni volta che visito una mostra di fotografia in "bianco e nero", ne rimango estasiato; eleganza ed impatto emotivo, sono solo alcuni degli aspetti che rende questa tecnica così speciale. Forse per il fatto di essere abituato ad osservare un mondo a colori, il "bianco e nero" mi emoziona sempre... tanto che per qualche tempo, mi vien voglia di fotografare solo così. 

14 luglio 2014... ritorno alla fotografia

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

...quarantadue giorni, più di mille ore, oltre sessantamila minuti... è sicuramente stato un lungo periodo di astinenza e riaver potuto nuovamente tenere tra le mani (le due mani) la reflex, mi ha fatto nuovamente riprovare quelle sensazioni che tanto mi mancavano. Tolto il gesso, la mano sinistra non è ancora del tutto pronta a reggere il peso delle ottiche più pesanti, ma ora basterà solo allenarla.

Quello che in realtà mi è mancato di più sono stati le luci , gli odori, i colori delle risaie, specie in questo luglio così strano, ma decisamente interessante, tanto da regalare cieli spettacolari, come quello di oggi.

L'INCONTRO CON IL BIACCO - 02 giugno 2014

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

Ancora una volta la natura riesce a sorprendermi e, nel momento più inaspettato, quando ormai la giornata sembra persa, compromessa dalla pioggia e da fastidioso vento, seppur tenue, ecco che un casuale incontro cambia tutto; partito in piena notte per poter arrivare sul posto, come consuetudine, ancor prima che albeggi per poter montare il capanno al buio, senza quindi essere visto, ho passato le prime 5 ore semplicemente... aspettando. Aspettando che la coltre di nubi si aprisse, per potermi regalare un pò di luce, aspettando che la fitta e incessante "pioggerella" smettesse di bagnare il capanno, aspettando gli ibis che si posavano ovunque, tranne dove di consueto ero abituato a fotografarli.

 

26 aprile 2014: ALBA TRA GLI IBIS

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

 E' difficile spiegare le sensazioni che si provano nel poter osservare lo spettacolo della natura, anche quando alcune scene sembrano sempre ripetersi allo stesso modo, ma comunque ogni volta nuove ... diverse.