A RITROSO NEL TEMPO

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

 

Per rilassarsi, a volte non serve altro che passare qualche ora tra la natura, percorrendo a ritroso il corso di un torrente che conosci molto bene; un torrente che ti ha visto crescere da ragazzo e che ti ha aspettato immutato (o quasi) per poi rivederti adulto. Un torrente che mai è stato così povero d'acqua come ora, dopo una lunga estate senza piogge, ma ancora estremamente ricco di vita. Un torrente che ora è possibile seguire attraverso passaggi solitamente sommersi, dove l'impeto delle acque ti obbliga a seguire percorsi alternativi, laterali; invece adesso si apre sino a percorrere l'arteria principale che porta sino al suo cuore. Non poche sono state le piccole trote fario trovate ormai imprigionate in poca acqua, trasferite velocemente in pozze più ampie, dando loro maggior speranza di sopravvivenza, in attesa delle piogge autunnali che dovrebbero ormai ridare linfa vitale al corso d'acqua. Sono quindi arrivato sino ad una grande pozza di cui non ricordavo più l'esistenza; un tuffo nel passato che ha risvegliato con un pizzico di malinconia i ricordi della mia infanzia, passata a pescare tra le acqua di quel torrente in compagnia di mio padre.

PASSI VERSO LA META

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

 

Ogni passo avanti, è un passo in meno verso la meta. Trascorrere del tempo da solo in montagna , ascoltare come il proprio corpo risponde alla fatica ed agli stimoli che vengono recepiti durante il percorso, le emozioni che si provano nell’osservare il panorama che si apre di fronte ai propri occhi appena usciti dal bosco, la vista delle vette più alte oppure più semplicemente l’osservare ammirati un raggio di sole che filtra attraverso le nuvole basse durante un tramonto altrimenti nascosto all’orizzonte, illuminando la pioggia che cade più a valle; tutto questo aiuta a conoscere se stessi.
La meta raggiunta durante la mia escursione apparentemente è stata la Becca d’Aver, vetta a quota 2469 m.s.l.m. in Valle d’Aosta; in realtà è stata l’appropriarsi nuovamente del “mio tempo”, potendo scegliere i ritmi con cui affrontare la giornata e vivere quegli attimi senza essere condizionati dalle lancette di un orologio, ma più semplicemente - anzi più “naturalmente” - dal sorgere o calare del sole, luce o buio secondo le necessità del momento. Solo questo era il ritmo da seguire.

LA SPIAGGIA CHE VORREI

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

Ultima uscita prima della partenza per le fresche alture montane e visto che un'estate senza spiaggia sarebbe quanto meno "anomala, eccomi quindi deciso a rilassarmi tra le calde sabbie arse dal sole; niente ombrelloni, nessuna sdraio in vista, ma a tenermi compagnia ho trovato un'intera famiglia di Cavalieri d'Italia (Himantopus himantopus), ben decisi a farsi sentire sotto la guida attenta del padre (della "dama di corte", nessuna traccia). Quattro fratelli che si sono divertiti a rincorrersi di fronte al mio capanno, con la comparsa di qualche Garzetta dal ciuffo (Egretta garzetta) e di un simpatico e frenetico Piovanello pancianera (Calidris alpina).

SGARZE RIGENERANTI - 08 AGO 2017

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

A volte occorre fermarsi un attimo e riprendere fiato. Queste settimane di sosta dall'attività fotografica sono state rigeneranti; non che la "voglia di natura" sia mai venuta meno, ma ora è tornata anche la "voglia di raccontare" - nel mio piccolo e con le mie possbilità - le emozioni che si provano nel trovarsi in essa.

Si riparte quindi con nuovi stimoli, tornando a fare quello che amo e che più mi gratifica... semplicemente fotografare la natura.

Ibis sacro vs Grillotalpa

Scritto da Paolo Ravasi on . Postato in BLOGS

Lotta solo all'apparenza impari, visto il numero di "vittime" fatte da questo esemplare di Ibis sacro in solo una ventina di minuti... non meno di dieci Grillotalpa finiti nel menù di giornata, per sfamare la prole che aspetta impaziente al nido.